Seconda stanza [Motel]2021-02-17T08:03:05+01:00

Project Description

Seconda stanza [Motel]

2010

di: Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci
con: Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci, Marco Maretti
suono: Roberto Rettura
light design: Fabio Sajiz
scene: Antonio Rinaldi

prodotto da: Nanou Ass. Cult.
co-prodotto da: Fondazione Pontedera Teatro, Fondazione Fabbrica Europa, ZTL-Pro
in collaborazione con: Palladium – Università Roma Tre
con il contributo di: Regione Emilia-Romagna Assessorato alla Cultura
con il sostegno di: Cantieri, Centrale Fies, L’Arboreto – Teatro Dimora di Mondaino, Ravenna Teatro, Città di Ebla

Motel è un’unità di tempo; è un luogo familiare ma disabitato; è la stanza dei segreti, degli amanti, delle puttane, il rifugio degli assassini, la sosta dei viaggiatori.
La drammaturgia, scandita in episodi, è l’interazione di un ristretto numero di personaggi immersi in un ambiente familiare e sostanzialmente ordinario (es. un appartamento, un ufficio, un locale pubblico, una scuola, un motel, ecc. ) , in cui elementi straordinari spostano l’andamento quotidiano dell’azione.
Gli episodi sono sostanzialmente indipendenti; i personaggi e le relazioni fra di essi sono statici e gli eventi di ogni episodio si risolvono nell’episodio stesso, ripristinando lo status quo.
Il racconto è sempre “fuori dalla finestra”. Il dramma non è presente nella scena. Possiamo solo afferrare i residui di ciò che già è avvenuto.
Solo nell’episodio conclusivo avrà luogo un radicale cambiamento che fornirà il punto di partenza per una nuova via drammatica.
La relazione fra gli interpreti, il suono, la luce, gli oggetti, è il motore degli avvenimenti, in grado anche di cambiare la natura degli elementi stessi presi in causa. Il suono si fa racconto, il corpo diventa mobilia, la luce diventa tempo. Nulla potrà verificarsi se non motivato da una relazione fra questi elementi.

Foto

[Motel] Seconda Stanza – © Laura Arlotti

Film

Rassegna stampa

Torna in cima